Thailandia tips

PROGRAMMA & ALLOGGI 

Opzione 1

26 novembre partenza da Venezia

27 28 29 novembre Bangkok – Si alloggia a Kao San Rd, Marco mi vuole fare conoscere l’anima di Bangkok. Hotel Rikka Inn, colazione non inclusa ma non è un problema, ci affidiamo al buon “Cafferino”. Zona troppo rumorosa, prezzo conveniente ma… mai più.

30 novembre Phuket, Sira Grande Hotel – Hotel molto valido e con tutti i comfort, buon servizio e colazione, peccato esserci rimasti una notte sola, prezzo ok. La spiaggia principale è molto turistica, ma piacevole.

1/2/3/4 dicembre Phi Phi Island – Charlie Hut bungalows – location stupenda, alloggio spartano ma dal sapore avventuroso, colazione ottima, prezzo ok.La spiaggia dista a pochi metri dalla nostra camera, è meraviglioso svegliarsi di fronte a questa piscina naturale.

5 dicembre Phuket – Hotel di recente costruzione, con buone potenzialità, purtroppo abbiamo riscontrato macro problemi di igiene. Colazione buona nel vicino bar, prezzo ok, ma brutto ricordo.

6 dicembre Bangkok – l’ultimo giorno, rimane il tempo per un ultimo massaggio rigenerante, una visita alla zona dei Sukhumvit dove nuovi centri commerciali e grattacieli direzionali stanno crescendo a vista d’occhio, integrandosi in modo più o meno discutibile con i templi buddisti, le zone povere, e le infrastrutture multi piano che come profondi squarci sovrastano ogni cosa.

7 dicembre ritorno a Venezia.

Opzione 2

9 Febbraio partenza da Venezia

10-13 Febbraio  Soggiorno presso Aetas Lumpini, hotel 5 stelle pagato pochissimo grazie a Secret Ecapes. Bellissimo il parco Lumpini, polmone verde nella caotica Bangkok a pochi metri dall’Hotel.

13 Febbraio  Volo con Nok Air per Koh Phangan, si tratta di un volo che comprende anche il ferry boat, comodo per evitare troppi casini, ma comunque un po’ lungo.

14-18 Febbraio  Soggiorno presos Haad Yao Villa, une delle spiagge più belle dell’isola.

18-22 Febbraio  Dopo aver preso la barca che ci porta in una paio d’ore a Koh Tao soggiorniamo al Sea Shell Resort. Qui il ritorno a Bangkok va fatto sempre tramite ferry boat, però non esistono chiare indicazioni su dove prendere quello compreso nel pacchetto “Nok Air”. Ricordatevi che la compagnia è la Lompraya.

22-24 Febbraio  Ritorno al nostro Aetas Lumpini e volo di rientro per Venezia

Costo totale, non facendoci mancare nulla 1400 euro

DOVE MANGIARE

Avete potuto vedere dalle immagini…in Thailandia si trova da mangiare ad ogni metro, lo street food quasi sempre è buonissimo, altre volte poco rassicurante (scorpioni e cavallette fritte!) di sicuro non si resta con fame.

Consigliatissimo il ristorante Thip Samai a Bangkok, abbiamo mangiato il Pad Thai più buono di sempre. Un consiglio: non aspettate le lunghe code che troverete per sedervi, prendete la versione per asporto, aspetterete solo due minuti, e mangiarli “per strada” ha tutto un’altro sapore.

DA NON PERDERE

Un massaggio Thailandese, occhio a entrare in un centro esteticamente accattivante, spesso massaggio in thailandese assume significati sessuali

Il giro in barca delle isole intorno a Phi Phi Don: prendete accordi con un barcaiolo, trattando sempre sul prezzo, si usa così, che vi accompagni per due mezze giornate alle isole Bamboo, Phi Phi Le, Mosquito: ve le godrete con calma e…ne varrà veramente la pena.

ko-phi-phi-map-343x400

La mappa delle escursioni alle isole Phi Phi e dintorni

BUDGET 

1.000 euro a testa, voli da Venezia, con scalo a Doha, compresi

CONSIGLI

Bangkok: All’arrivo in aeroporto potete prendere un taxi, ma la coda è abbastanza lunga. Meglio preferire lo skytrain che vi porta in un lampo nel cuore della città. Arrivati alla stazione fnale potete usare i mezzi pubblici per arrivare il vostro hotel o in alternativa usare un taxi.

Se volete dormire in zona Khao San evitate la via Khao San, cercate piuttosto un alloggio in Roi Sambutri altrimenti rischiate di sentire musica martellante fino alle 5 di mattina. E’ bene dire che comunque in quella zona i prezzi sono decisamente alti, si trovano alloggi molto più comodi a prezzi più contenuti in zona leggermente più lontane.

Per gli spostamenti lo skytrain è comodo ed economico, nei taxy ESIGETE sempre il taxymeter, altrimenti la fregatura è sicura. Se desiderate prendere l’autobus diciamo che è un’avventura più intensa. Esistono anche i mototaxy, in pratica salite dietro ad uno in motorino, molto utili quando il traffico è congestionato (molto spesso)

I tuk tuk sembrano costare poco, ma in realtà vi obbligano sempre a far visita a qualche negozio per comprare qualcosa, può essere molto fastidioso. Diffidate delle varie offerte “solo per oggi”. Di solito cercano di vendervi gioielli, vestiti o tessuti

Vale la pena visitare il mercato galleggiante di Aumpawa, meno famoso del “mercato galleggiante” che vi propongono solitamente e leggermente meno turistico…leggermente

Vale una visita il Train Market, un mercato stabilito sulle rotaie di un treno, all’arrivo del treno bancarelle e merci si ritirano per far passare il convoglio…particolare

Sicuramente non può mancare un giro al parco Lumpini, sorta di Central Park di Bangkok, a patto di evitare le ore serali a causa del nugolo di zanzare.

Per gli appassionati di cinema, uno spettacolo al cinema all’ultimo piano del Central Embassy vi catapulterà in una nuova dimensione di fruizione visiva…il film di fronte a tanto lusso passa in secondo piano.

Ayutthaya: Antica capitale del Siam, si trova a 70 km da Bangkok. Se volete visitarla potete utilizzare uno dei tour, ma molto più avventuroso e soprattutto economico consiste nel prendere un treno dalla Bangkok Railway Station e con circa 100 bath arrivate in loco. Qui potete noleggiare una bici e visitare l’area. Tenete conto che ogni tempio costa 50 bath per entrare, valutate se fare l’ingresso cumulativo.

Phuket: Bangla road è la via principale dei locali e delle feste, occhio ai ladyboy, abili taccheggiatori.

Chiedete in giro di indicarvi il mercatino dei ristoranti di pesce, è possibile fare un’ottima cena di pesce contrattando prima cosa mangiare e a quanto, non dimenticate di partire sempre molto bassi.

Il mercato del falso a Phuket è fiorente è di alta qualità, se desiderate una cintura di Louis Vuitton tarocca questo è il posto giusto, anche qua non vergognatevi di trattare il prezzo.

Phi Phi: quando scegliete l’alloggio tenete conto che in spiaggia si fa festa fino alle 2 del mattino, quindi siate oculati nella scelta.

Nelle viuzze interne esistono molti piccoli ristoranti a conduzione familiare con prezzi e cibi molto interessanti

Come già accennato per girare le isole evitate i tour organizzati, concordate con un barcaiolo locale un tour di qualche giorno per le isole, solitamente 1500 bath sono sufficienti

Koh Phangan famosissima per il full mooon party che si svolge sulla spiaggia di Haad Rin ogni luna piena, ma questa isola offre anche altro. Numerosi sono i centri di yoga sparsi all’interno e per i meno festaioli consigliamo la spiaggia di Haad Yao a ovest, ottimo compromesso tra tranquillità e servizi. Anche le spiagge a nord offrono piacevoli paesaggi. Resta quasi obbligatorio noleggiare un motorino per  muoversi, 250 bath al giorno.

Koh Tao questa isola ha perso molto del suo fascino selvaggio, resta un must il bellissimo parco di Nuang Yang, raggiungibile dalle 10 alle 17 solo tramite barca. Consiglio di farsi trasportare da un taxi boat ed evitare i tour, costo 500 bath. Koh Tao è molto piccola e si gira tranquillamente in motorino, le spiagge si raggiungono tutte con un minimo di abilità da pilota. E’ d’obbligo maschera e boccaglio, noleggiabili a 50 bath al giorno in città (evitate i noleggi in spiaggia visto che vi chiedono fino a 4 volte tanto).